La Voce dei Vinti | Venezia | 16.4.2009

La Voce dei Vinti | Venezia | 16.4.2009
Image-empty-state.png

Rappresentazione teatrale

Venezia
16.04.2009

ore 20.30
Teatro Goldoni

con
Pino Caruso
testo
Monica Centanni e Daniela Sacco
da
Omero, Eschilo, Euripide, William Shakespeare, Ezra Pound
sonorizzazione
Enrico Coniglio
Le voci dei vinti sono le urla, il pianto, i lamenti espressi in una lingua straniera e incomprensibile, sono la rabbia e il desiderio di vendetta. Ma sono soprattutto l’afasia, il mutismo di chi subisce l’annullamento. I vinti ammutoliscono perché non hanno più niente da perdere e niente da difendere; ma si può dire il niente? Il silenzio dell’incapacità di dire la sconfitta, il vuoto lasciato aperto dal dolore e dalla perdita dell’orizzonte di senso è riempito dalla voce dei vincitori: la voce dei vinti in questo modo risulta essere tradotta – tradita dalla voce dei vincitori, i vinti parlano per bocca dei vincitori, i principali testimoni della storia.
Agli albori della storia, la poesia d’Occidente ha saputo raccontare equamente le storie di tutti i suoi protagonisti; la tragedia greca ha rappresentato sapientemente i vinti attraverso la parola dei vincitori, rendendone onore e dignità. L’altro: lo straniero, il barbaro, l’amico, il nemico, l’Oriente e l’Occidente, hanno trovato degna rappresentazione nel nome di Dioniso.
Ma oggi, chi sono i barbari? Chi è l’altro? Siamo ancora capaci di mettere in scena la voce dello straniero, dell’altro da noi, del vinto?