Psyche | Venezia | 6.3.2008

Psyche | Venezia | 6.3.2008
Image-empty-state.png

Rappresentazione teatrale

Venezia
6.03.2008

ore 20.30
Teatro Goldoni

con
Caroline Pagani, Deli De Majo, Lorenzo Bonoldi
testo
Monica Centanni, Daniela Sacco, Linda Selmin
liberamente tratto da
La nostra anima di Alberto Savinio e Le metamorfosi di Apuleio
Cosa succede se Psyche decide di raccontare a la vera storia del suo incontro con Amore e la ragione per la quale Amore vuole essere invisibile? E cosa succede se Psyche sbugiarda la tradizione a tutti nota con la sua versione dei fatti?
Il mito di Amore e Psyche, raccontato da Apuleio nelle Metamorfosi riceve un duro colpo dalle rivelazioni della povera Psyche, che in questa variazione del mito è un esemplare di pennuto dal becco di pellicano. Catturata e messa in gabbia nel Teatro dei Miti Incarnati, la malridotta Psyche è interrogata dal professor Pericle Equicola, direttore del teatro, e dalla Signorina Perdita, entrambi esperti di mitologia e ornitologia. Nella mani di un narratore brillante come Savinio la materia plastica del mito può ancora sorprenderci e intrigarci. In un succedersi di immagini surreali ed esilaranti la storia di Psyche appare così più vera del mito antico e ci regala uno sguardo nuovo sulla bellezza delle favole classiche. La versione di Psyche su Eros è sconcertante e inaccettabile alle orecchie di Equicola e della sua accompagnatrice. La nostra anima dunque esiste e racconta, a chi sa ascoltarla, la sua verità.